Arte

Georges Rouault. Miserere
Misere et guerre [Flavio Arensi]
L'attualità del messaggio di Rouault [Carlo Ghielmetti]

Georges Rouault. Miserere

Ancona - Mole Vanvitelliana
Dal 9 agosto al 18 novembre 2007

A sessanta anni dalla pubblicazione e cinquanta dalla morte

In mostra le 58 tavole originali che compongono la suite incisoria Il Messia, i potenti, gli acrobati e i pagliacci, le prostitute, la guerra, la morte tra Miseria dell'uomo e Misericordia di Dio per un Umanesimo integrale

Toujours flagellé, 1922

Toujours flagellé, 1922
Sempre flagellato
Acquatinta allo zucchero, punta secca, brunitoio e rotella
Foglio 655 x 505 mm

Il prossimo anno cadrà il sessantesimo anniversario della pubblicazione del Miserere e il cinquantesimo della morte di Georges Rouault. Si è voluto partire da queste ricorrenze per celebrare uno dei più grandi artisti del secolo scorso e nel contempo ricordare una precedente mostra che Ancona gli ha dedicato nel 1975. La rassegna, titolata semplicemente GEORGES ROUAULT. MISERERE, è ora allestita alla Mole Vanvitelliana, (una fortezza settecentesca sull'acqua situata all'ingresso del porto e del centro storico della città), dal 9 agosto fino al 18 novembre 2007, per la cura di Flavio Arensi e del filosofo Giancarlo Galeazzi, e si avvale di altri studiosi ed appassionati dell'opera di Rouault. L'intento è quello di offrire un'analisi e invitare ad approfondimento non soltanto del Miserere, ma di quell'atmosfera culturale e sociale che ha reso possibile un'opera tanto straordinaria, forse il vertice del suo lavoro artistico. Non a caso Rouault venne poi definito il più grande interprete dell'arte sacra del Novecento. Gli interventi in catalogo, per i tipi di Silvana Editoriale, insieme alla riproduzione di tutte le tavole, consentiranno una riflessione a più voci;oltre alle pagine a cura di Flavio Arensi, lo studio critico di Carlo Ghielmetti, il rapporto fra Maritain e Rouault di Giancarlo Galeazzi, l'analisi teologica del Salmo 50 (Miserere) condotta da Gianfranco Ravasi, lo studio del Miserere nella musica contemporanea di Alessandro Restelli, quindi Giovanni Morello sull'inedito poetico di Rouault da poco ritrovato.

Il serait si doux d'aimer, 1923

Il serait si doux d'aimer, 1923
Sarebbe così dolce amare
Acquatinta allo zucchero, punta secca, brunitoio e rotella
Foglio 655 x 505 mm

Miserere è suddiviso in due temi, religioso e profano, che si intrecciano e si intersecano: l'uno legato alla vicenda del Cristo sofferente e l'altro dedicato alla vicenda umana, al pellegrinaggio di dolore sulla terra, reso ancora più tragico dalla guerra.
Nelle 58 tavole originali che compongono la suite incisoria, il racconto forse amplificato, ma mai moralista, delle condizioni dell'umanità. Come pochi altri contemporanei Rouault rappresenta l'uomo, ponendolo al centro di un teatro talvolta assurdo, altri di squallida insensatezza, tuttavia lascia che a giudicare sia l'osservatore, mentre delinea in termini poetici un nuovo umanesimo cristianizzato (se non cristianizzante) in cui la figura dello sconfitto è tuttavia salvifica: esagerando si potrebbe affermare Rouault tratti non l'umanità ma l'umanesimo. Spesso la sintassi si bilancia di contrappunti o antitesi, che la grafica sottolinea con antagonismi forti di bianconeri, baratri e vertigini di ogni vivente. La scelta incisoria dell'acquatinta allo zucchero permette la fluidità dolce del segno, senza marchiature ferali, ma passaggi equilibrati di toni.

Il parametro Maritain
In origine il Miserere avrebbe dovuto contenere sottoparagrafi esplicativi: uno dei capitoli fondamentali sarebbe stato dedicato all'amico filosofo Jacques Maritain, il quale certo riscontrava alcuni parametri della sua estetica nel lavoro dell'artista, come l'artista trovava nel pensiero del filosofo un saldo appiglio teoretico. Nel corso degli anni sono numerosi i progetti editoriali, fin dal 1912 con una prima bozza programmatica, poi il decennio seguente coll'album Chanson françaises comprendente quattro parti (Visione e sogni, Varie, Miserere, Guerra), che pur irrealizzato denota la tipologia allusiva cui vuol riferirsi l'artista. In un primo momento il titolo era Miserere et Guerre; poi fu soltanto Miserere (mei, Deus, secundum magnam misericordiam tuam), lasciando intendere l'oscillare fra perdono pietoso e misericordia, fra peccato e salvezza, esprimendo sempre e comunque la sacralità della vita nonostante le miserie dell'uomo e ponendo Cristo come elemento di riscatto.

Comitato Scientifico e promotori
Il Comitato Scientifico è formato da: Flavio Arensi, Walter Angelici, Oreste Bellinzona, Giancarlo Galeazzi, Francesco Garrone, Carlo Ghielmetti, Giovanni Morello, Gianfranco Ravasi, Alessandro Restelli, Maria Sormani. La rassegna è promossa e organizzata dal Fondo Mole Vanvitelliana, dal Comune di Ancona Assessorato alla Cultura e dall'Agorà dei Giovani Italiani; in collaborazione con il Consiglio regionale delle Marche e la Provincia di Ancona-Assessorato alla Cultura; con il patrocinio della Fondazione per i Beni e le Attività Culturali della Chiesa

Eventi
La mostra è punto di forza del calendario degli eventi previsti per lAgorà 'dei Giovani Italiani in occasione della visita a Loreto di Papa Benedetto XVI, 1- 2 settembre 2007 e verranno promosse idonee iniziative. Incontri di filosofia. 8 agosto, ore 22 circa, recital di Giovanni Lindo Ferretti sul tema: dal Miserere ad alcuni canti delle Divina Commedia con interventi di musica.

Informazioni e orari:
naugurazione 8 agosto, ore 21. Aperta al pubblico dal 9 agosto al 18 novembre 2007 con il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle ore 17.00 alle ore 20.00; sabato, domenica e festivi dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Mattina su prenotazione. Chiuso il lunedì. Apertura straordinaria dal 28 agosto al 2 settembre orario continuato: dalle 10.00 alle 20.00.
BIGLIETTI: 4,00 Euro; ridotto di legge 3,00 Euro; ridotto scuole e gruppi 2,00 Euro
Info: 071 2225011
www.rouaultancona.com