Architettura

La biografia di Franco Albini

Franco Albini. Musei e allestimenti

La mostra itinerante Franco Albini. Musei e allestimenti, curata da Federico Bucci e Augusto Rossari e promossa dal Dipartimento di Progettazione dell'Architettura del Politecnico di Milano, intende presentare una parte significativa dell'attività progettuale dell'architetto e docente milanese, in occasione del centenario della sua nascita.

Fin dagli esordi professionali, negli anni trenta, Albini dimostra, infatti, una particolare sensibilità nellaffrontare il 'progetto dell'architettura degli interni, con particolare riguardo alle architetture dei padiglioni espositivi per le fiere, o all'allestimento di mostre.


E' il periodo in cui l'architettura moderna italiana, esclusa dai grandi incarichi pubblici, compie le sue sperimentazioni più avanzate nel campo dell'architettura temporanea. Albini interpreta con slancio gli inviti a cercare una "via italiana" nel "rinascimento europeo", dando vita ad opere molto apprezzate dalla critica e dal pubblico, come i padiglioni INA alla Fiera (a partire dal 1933), gli allestimenti per la Mostra dell'Aeronautica (1934), per la VI (1936) e VII (1940) Triennale e per la mostra "Scipione e il bianco e nero" (1941) alla Pinacoteca di Brera.


Nel Dopoguerra e negli anni Cinquanta altri allestimenti espositivi (alla Triennale di Milano e a Palazzo Grassi e alla Biennale di Venezia) o commerciali (come la pellicceria Zanini e la libreria Baldini e Castoldi a Milano) dimostrano una maturità compositiva. In questi esempi, l'attenzione ai nuovi materiali e la razionalità della composizione architettonica, si uniscono a ricerche pittoriche e di psicologia della percezione, declinando una grammatica dello spazio di grande intensità e raffinatezza. Tuttavia, anche per il loro carattere temporaneo, queste architetture d'interni non hanno trovato una giusta collocazione nella storiografia dell'architettura italiana tra le due guerre.





Più conosciuti sono invece i musei che Albini progetta (con Franca Helg) a partire dagli anni cinquanta. A Genova, Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e il Museo del Tesoro di San Lorenzo, sono capolavori su cui si è scritto molto, ma che meritano nuovi approfondimenti sia alla luce dell'esperienza di Albini compiuta nell'anteguerra, sia in un più stretto contatto con il dibattito sulla tradizione e sull'impegno nella Scuola che hanno proiettato la cultura architettonica italiana in una dimensione internazionale.
La mostra itinerante Franco Albini. Musei e allestimenti, preparata con un lavoro di studio nell'archivio messo a disposizione dal figlio Marco Albini, raccogliendo in serie storica e selezionando i migliori esiti dell'attività dell'architetto milanese in questo specifico settore di lavoro, vuole portare alla conoscenza di un ampio pubblico le particolari qualità dello spazio espositivo progettato da Albini, inteso come luogo denso di magiche atmosfere definite partendo da razionali intenti comunicativi.
In un momento, come quello odierno, in cui l'architettura dedica grande attenzione a spettacolari esiti formali, l'insegnamento di Albini, riconosciuto protagonista delle Scuole di Milano e di Venezia, propone uno sguardo più consapevole e meditato sul rapporto tra l'uomo e lo spazio costruito permanente ed effimero.


Note tecniche e calendario
La mostra è composta da 34 pannelli di 1x1m con testi e riproduzioni di fotografie e disegni.
La mostra è accompagnata dalla pubblicazione del volume "I Musei e gli Allestimenti di Franco Albini", a cura di Federico Bucci e Augusto Rossari, edizioni Electa, con scritti di A. Monestiroli, M. Baffa, M. Albini, G. Ottolini, A. Rossari, M. Mulazzani, F. Bucci.
L'apertura della mostra è prevista a Milano presso lo spazio mostre del Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura Civile, via Durando 10, dall'11 al 28 aprile 2005, in occasione del Salone del Mobile.
L'inaugurazione della mostra è preceduta da un seminario che si terrà l'11 aprile 2005 in aula CT3 alle ore 15.00 presso la stessa sede; la mostra sarà inaugurata alle ore 17.00.

Calendario (fino a novembre 2005)
11 - 28 aprile 2005 Facoltà di Architettura Civile, Politecnico di Milano.
Maggio 2005, Palazzo della Ragione, Mantova
Giugno - luglio 2005, Spazio mostre IUAV, Venezia
Luglio - agosto 2005, Palazzo Lanfranchi, Matera
Settembre 2005, Festival dell'architettura, Parma
Ottobre 2005, Comune di Robbiate (Lecco)
Novembre 2005, Facoltà di Architettura di Palermo

Opere in mostra
Stand INA, Fiera Campionaria di Milano, 1933
Mostra italiana dell'aeronautica, Sala dell'aerodinamica, Palazzo dell'Arte di Milano, 1934
Padiglione provvisorio INA, Fiera Campionaria di Milano, 1934
Padiglione INA, Fiera del Levante di Bari, Padiglione INA, 1934
Padiglione permanente INA, Fiera Campionaria di Milano, 1935
Padiglione permanente INA, Fiera del Levante di Bari, 1935
Sala dell'oreficeria antica, VI Triennale di Milano, 1936
Stanza per un uomo, VI Triennale di Milano, 1936
Padiglione Fiat, Fiera Campionaria di Milano, 1938
Sala Zama per Montecatini, Fiera Campionaria di Milano, 1940
Stanza di soggiorno per una villa, VII Triennale di Milano, 1940
Sala del piombo e dello zinco per Montecatini, Fiera campionaria di Milano, 1941
Mostra di Scipione e del "Bianco e Nero", Pinacoteca di Brera, Milano, 1941
Sistemazione della pellicceria Zanini, Milano, 1945
Istituto di dermatologia cosmetica Hotz & C., Milano, 1945
Libreria Baldini & Castaldi, Milano, 1946
Ricostruzione della Galleria delle pitture venete, Pinacoteca di Brera, Milano, 1948-49
Sistemazione delle Gallerie comunali di Palazzo Bianco, Genova, 1949-51
Sezione mostre temporanee, IX Triennale di Milano, 1951
Mostra Internazionale delle Arti e del Costume, Palazzo Grassi, Venezia, Sala "Miracolo della scienza", 1952
Museo del tesoro di San Lorenzo, Genova, 1952-56
Restauro e sistemazione a museo di Palazzo Rosso, Genova, 1952-62
Mostra di arte contemporanea, arte decorativa e architettura italiana, Stoccolma-Helsinki, 1953
Stand Rhodiatoce per Montecatini, Fiera Campionaria di Milano, 1953-54
L'allestimento del Salone d'Onore e sistemazione della "scuola d'arte", X Triennale di Milano, 1954
Sala "Venezia viva" e "Mostra del Settecento veneziano", Mostra Internazionale delle Arti e del Costume, Palazzo Grassi, Venezia, 1954
Mostra di pittura italiana del Settecento a Ibirapuera, San Paolo del Brasile, 1954
Stand Rhodiatoce per Montecatini, Fiera Campionaria di Milano, 1955
Mostra di Delacroix, Sala Napoleonica, Biennale di Venezia, 1956
Negozio Sampo Olivetti, Parigi, 1958-60
Stand Montecatini, "La Montecatini nel sud d'Italia", Fiera Campionaria di Milano, 1961
Restauro e sistemazione a museo dei Chiostri di Sant'Agostino, Genova, 1963-79

Articolo inserito il 30 marzo 2005